RICHIEDI DEMO

FAQ

Risposte alle domande più frequenti

Apparound è la soluzione full digital che semplifica le operazioni di vendita, aumenta la customer engagement e velocizza ed efficienta i processi operativi. Grazie ad un software in cloud, aggiornabile e configurabile anche senza competenze IT, è possibile digitalizzare l’intero processo di vendita e aumentare la produttività dei commerciali. Apparound è un’applicazione nativa per tablet e smartphone e permette all’agente di vendita di:

  • Mostrare in formato digitale cataloghi, brochure, specifiche di prodotto, presentazioni e video.
  • Creare un’offerta multiprodotto in tempo reale, comprensiva di servizi opzionali, bundle, sconti e promozioni e inviare l’offerta al cliente per email.
  • Chiudere la trattativa in tempo reale con firma grafometrica oppure da remoto con autenticazione OTP.
  • Monitorare il processo di vendita, lo stato delle offerte, dei contratti e dei clienti in tempo reale.

Scopri di più su Apparound o richiedi il contatto di un nostro consulente.

Sì, Apparound è una soluzione stand-alone e non è necessario avere un CRM per utilizzarla. Apparound supporta il commerciale durante l’intero processo di vendita, dalla presentazione di contenuti di marketing in formato digitale, alla configurazione dell’offerta, fino alla generazione e chiusura del contratto attraverso la firma elettronica. Che differenza c’è tra un CPQ ed un CRM?

 

Sì, Apparound è una soluzione cloud-based ed è ospitata nel Cloud di Azure. Questa caratteristica rende la soluzione facile e veloce nell’implementazione. L’utilizzo di Apparound non richiede la creazione di un progetto IT dedicato.

Sì, Apparound funziona anche offline. Una volta che accedi alla tua app di Apparound puoi scaricare in locale i contenuti. In questo modo sarà possibile mostrare i contenuti anche in mancanza di una connessione internet.

Sì. In fase di incontro con il cliente si può costruire l’offerta insieme a lui ed inviare il preventivo per e-mail e raccogliere successivamente la firma da remoto tramite OTP, oppure, se il cliente è soddisfatto dell’offerta si può chiudere il contratto insieme a lui. Scopri di più sul prodotto Apparound.

Sì, Apparound gestisce l’approvazione dell’offerta. Apparound garantisce maggior controllo in fase di trattativa con un sistema di workflow automatico, che supporta la richiesta di approvazione dell’offerta prima della generazione del contratto. Il venditore può inviare un’autorizzazione al manager per richiedere, ad esempio: uno sconto, una verifica tecnica, l’approvazione di un metodo di pagamento oppure l’approvazione di un prezzo diverso rispetto al listino. Inviata la richiesta il manager riceverà in tempo reale una notifica push e potrà visualizzare l’offerta, approvarla, rifiutarla o aggiungere eventuali commenti. Tutte le azioni effettuate dagli utenti (invio, inoltro, accettazione o rifiuto) verranno registrate e visualizzate all’interno della richiesta stessa e in caso di approvazione, permetteranno al commerciale di procedere con la generazione del contratto.

No, non ci sono limitazioni al numero di offerte che si possono creare con Apparound.

Se Il cliente vuole firmare il contratto in un secondo momento, oppure, se la persona che si sta incontrando non ha potere di firma, si può inviare il contratto in formato PDF per email e chiudere il deal in un secondo momento grazie alla firma da remoto OTP.

Apparound vuole aiutare i propri clienti nell’operatività di tutti i giorni. È per questo che abbiamo adottato diverse opzioni di firma elettronica al fine di soddisfare le diverse esigenze dei nostri clienti. Apparound supporta le seguenti firme elettroniche:

  • Firma semplice: consente di far firmare i clienti senza raccolta di dati biometrici.
  • Firma avanzata a uno step: raccoglie la firma del cliente corredata dei dati biometrici (velocità, inclinazione, pressione). La firma al contratto e l’autorizzazione del cliente al trattamento dei suoi dati sono contenute in un unico documento.
  • Firma avanzata a due step: raccoglie sempre la firma del cliente corredata dei dati biometrici (velocità, inclinazione, pressione). In questo caso si ottiene la firma al contratto e l’autorizzazione del cliente al trattamento dei suoi dati utilizzando due documenti elettronici separati.
  • Firma remota: permette di ottenere la firma del contratto con autenticazione del cliente da remoto tramite il servizio di OTP.

Affinché il contratto firmato con firma elettronica abbia un valore legale, è importante la tipologia di firma scelta:

  • se si utilizza una Firma Elettronica Semplice, il documento informatico cui è apposta la firma sul piano probatorio sarà liberamente valutabile in giudizio, tenuto conto delle sue caratteristiche oggettive di qualità, sicurezza, integrità e immodificabilità;
  • se si utilizza una FEA o una FEQ (quindi anche una firma digitale), siamo di fronte ad una firma elettronica con i medesimi effetti giuridici di una firma autografa apposta di pugno e il documento informatico sottoscritto vale come scrittura privata, con conseguente applicabilità dell’art. 2702 del Codice Civile. Apparound mette a disposizione diverse configurazioni di firma per coprire tutti i potenziali bisogni a livello legale e di contratto.

Scopri di più sulla firma elettronica.

Si. Durante la fase di generazione del contratto, è possibile rivedere con il cliente un primo riepilogo dei costi e sconti, ed apportare eventuali modifiche se necessario, variare i prezzi o applicare nuovi sconti. Le offerte e i contratti generati vengono, quindi, validati commercialmente e sono privi di errori, riducendo in questo modo eventuali controlli a posteriori. Sia l’offerta che il contratto possono essere inviati con un semplice click.

Sì, si possono facilmente inviare qualsiasi tipo di contenuto per e-mail come presentazioni, listini, schede tecniche offerta e qualsiasi altro materiale presente. Anche le offerte generate e i contratti (comprensivi di tutti gli allegatip revisti) possono essere inviati al cliente con un semplice click.

Sì, assolutamente. È possibile completare il contratto aggiungendo ulteriori dati e allegati come la copia del documento di identità o la copia dell’ultima fattura, ecc. Dall’Admin Portal è possibile personalizzare la struttura dei contratti e definire quali allegati possono essere opzionali e quali obbligatori.

Apparound gestisce diversi livelli di accesso, in base alle varie esigenze aziendali. La soluzione consente di costruire accessi di permessi con viste diverse, in base ai ruoli, ad esempio, oppure aree di operatività, e così via. Un direttore commerciale, ad esempio, può avere accesso a tutte le operazioni del proprio team mentre, un membro di quest’ultimo può avere una visibilità ridotta, relativa solo alla propria area di competenza. Inoltre, all’interno delle viste relative al team si possono costruire ulteriori viste per distinguere vendite dirette ed indirette, e così via. In questo modo si ha piena flessibilità nella costruzione delle viste in modo da rispondere al meglio alle esigenze aziendali.

Sì, una volta che il direttore commerciale accede alla propria app di Apparound, dal Sales Tracker potrà vedere tutte le informazioni relative al proprio team. Nella modalità manager-mode, il direttore commerciale, può vedere i dati aggregati di vendita per avere una visione chiara della pipeline, supportare i commerciali nella chiusura delle trattative più “calde” e creare facilmente forecast di vendita, e così via.

No, non c’è un limite nel numero di prodotti che si possono aggiungere ad Apparound.

Si. Una volta che il contratto è stato firmato potrà essere prelevato dall’ambiente di amministrazione di Apparound: manualmente o automaticamente attraverso un’integrazione.

Sì. Apparound è compatibile con i più comuni sistemi CRM e ERP e si sincronizza facilmente con il tuo back-office. Scopri di più.

La forza di Apparound sta nella sua facilità di utilizzo. Grazie a una user experience intuitiva, Apparound garantisce un onboarding semplice e rapido e i commercali possono essere autonomi fin da subito e dedicarsi alla vendita senza dover passare giorni in aula o affiancamento.

Sì. In base alle disposizioni aziendali, è possibile, tramite Admin Portal, configurare più profili e abilitare i singoli profili dei commerciali a diverse tipologie e soglie di scontica, oppure è possibile prevedere dei workflow di approvazione in caso fosse necessario autorizzare degli extrasconti per favorire la chiusura del contratto. Scopri di più sui workflow di approvazione.

Sì, grazie a Zapier Apparound si connette ad oltre 1000 app in pochi semplici passaggi. Con Zapier, ad esempio, si può connettere in pochi semplici passaggi e automatizzare attività ripetitive senza scrivere codici o affidarsi agli sviluppatori per realizzare l’integrazione.
L’automazione è basata sugli eventi: quando in un’app accade qualcosa, un’azione viene attivata in un’altra app. In questo modo puoi sincronizzare le tue app con Apparound e viceversa.
Creare uno zap è semplice e intuitivo, non occorrono sviluppi o particolari competenze it.
Approfondisci sul nostro blog in che modo risparmiare tempo prezioso automatizzando le tue attività.

 

Il requisito minimo per poter iniziare ad utilizzare Apparound è di 10 utenti. Questo è dovuto alla stessa natura della soluzione: un’app di vendita basata sulla collaborazione. Non solo i venditori possono trarne beneficio ma anche i team di marketing, di prodotto, di management e di customer support he possono a loro volta attivare licenze.

Ogni anno, effettuiamo in metodologia Agile 4 major release di prodotto e un numero ancor più elevato di minor release per offrire ai nostri utenti nuove funzionalità, una migliore esperienza di utilizzo e il più alto livello di servizio. Lavoriamo costantemente per apportare aggiornamenti e miglioramenti alla piattaforma tecnologica, assicurando una perfetta compatibilità dell’app con tutte le più recenti versioni dei principali sistemi operativi e browser.