App agenti di commercio: come scegliere quella giusta?

Mettendoci nei panni di un direttore commerciale alle prese con il rinnovamento tecnologico della forza vendita, ci si può domandare sulla base di quali criteri scegliere l’app per agenti di commercio. Per diversi motivi, il processo non è dei più semplici, ma soprattutto per il fatto che il mercato è ricco di proposte le cui differenze, per quanto determinanti ai fini dei risultati che si otterranno, non emergono in modo chiaro a prima vista. Inoltre, ogni azienda ha esigenze differenti e non è semplice stabilire, tra le molte innovazioni portate dalle singole app, quali siano effettivamente determinanti ai fini della produttività. Il rischio è che, nel dubbio, si continui ad agire come si è sempre fatto, perdendo tutti i vantaggi della digitalizzazione.   

App agenti di commercio: i criteri per la scelta 

In realtà, i criteri di scelta dell’app per agenti di commercio si suddividono in due macro categorie: da un lato ci sono aspetti che tutte le aziende prendono in considerazione (come la completezza funzionale e il prezzo), dall’altro elementi specifici del settore in cui si opera e dell’azienda stessa. Di seguito, alcuni aspetti che occorre considerare in ogni caso: 

Completezza funzionale 

L’app per agenti di commercio verrà ovviamente usata per vendere. È quindi fondamentale che copra, con la massima semplicità d’uso, tutte (o la maggior parte) delle attività che rientrano nel ciclo di vendita. Deve permettere, di fronte al cliente,  

  • la configurazione dell’offerta destreggiandosi brillantemente in un’infinità di prodotti, specifiche, opzioni, combinate e promozioni;  
  • la generazione di un preventivo, magari da inviare immediatamente al buyer via e-mail;  
  • la creazione di un contratto e, perché no, la sua chiusura mediante firma grafometrica.  

Inoltre, essendo un’app per agenti di commercio, verrà usata su un dispositivo mobile sempre connesso, ma deve funzionare anche quando la connessione non c’è, perché non tutti i clienti lavorano in aree coperte al 100% dalla rete mobile. 

Automazione 

Nessun robot, i venditori sono ancora esseri umani. Ma il concetto di sales automation esiste eccome: bisogna fare in modo che la maggior parte dei segmenti che compongono il ciclo di vendita vengano concatenati in modo automatico e non richiedano interventi manuali. Esempio: il preventivo e il contratto devono essere generati con prontezza, ma anche il trasferimento dei dati da/nel CRM deve essere automatico, altrimenti buona parte dei benefici della digitalizzazione scompare nel nulla. 

Semplicità d’uso 

La semplicità d’uso è fondamentale in un’app per agenti di commercio. La user experience deve essere studiata in modo approfondito per permettere configurazioni particolari e preventivi complessi in modo agile e rapido, senza possibilità di errore. D’altronde il passaggio a un’app per agenti di commercio è dettato principalmente dall’esigenza di massimizzarne la produttività, e questa richiede flussi di lavoro agili e veloci. 

Inoltre, un’app semplice da usare, intuitiva nei percorsi e che, banalmente, non comporti lo studio di un manuale di istruzioni, offre anche un grosso vantaggio alla direzione commerciale, che talvolta si trova a dover fronteggiare una certa resistenza al cambiamento frutto di schemi e abitudini consolidate nel tempo. Essendo l’obiettivo quello della massima adozione, i manager delle vendite devono assolutamente affidarsi a un’app facile e intuitiva, che possa essere integrate nei processi di vendita in modo rapido e senza intoppi. 

Costo prevedibile 

Altro fattore fondamentale per le aziende è la prevedibilità dei costi. Le app per agenti di commercio fornite in modalità cloud “as-a-service” offrono due benefici in uno: non richiedono investimenti in IT e costano unicamente in funzione dell’utilizzo. L’azienda sceglie la versione d’interesse, gli eventuali moduli e il numero di utenti cui destinare il prodotto, da cui un prezzo mensile che potrà variare nel tempo in funzione, appunto, dell’uso che se ne fa.  

App agenti di commercio: l’importanza della personalizzazione 

I punti considerati finora compongono una sorta di guida all’acquisto che vale per ogni azienda, a prescindere dal settore e dal prodotto o servizio. Ma un’ottima app per agenti di commercio deve adattarsi perfettamente allo scenario concreto in cui verrà impiegata, tenendo conto delle sue specificità nonché, per certi settori, della normativa vigente. È quindi molto importante che le possibilità di configurazione vadano al di là di una semplice aggiunta di prodotti o specifiche e che il produttore permetta un’attività di personalizzazione ad hoc, di modo tale da soddisfare i requisiti di ogni ambito di impiego, anche quelli soggetti a una normativa stringente. Infine, è fondamentale valutare la possibilità – ma soprattutto la semplicità – di integrazione con il parco applicativo aziendale, per fare in modo che i benefici della digitalizzazione si estendano end-to-end. 

New call-to-action
Apparound Team
Apparound nasce nel 2008 a Pisa, in Toscana e propone al mercato la soluzione innovativa volta a digitalizzare i processi di vendita. La soluzione, basata su tecnologia cloud, supporta il venditore durante l’intero il ciclo di vendita: dalla presentazione del materiale di marketing sotto forma di contenuti digitali (brochure, video, ecc.), alla configurazione dell’offerta, per arrivare alla chiusura della trattativa con la raccolta dell’ordine mediante firma elettronica. Il tutto in estrema semplicità con il solo utilizzo di un tablet o smartphone, o in alternativa mediante Web Client.